Categoria: Disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento

Difficoltà scolastiche

Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze.
Per questo motivo quando si parla di difficoltà scolastiche non si parla necessariamente di incapacità di apprendimento: l’individuo infatti potrebbe possedere gli strumenti necessari per imparare, ma non essere in grado di usarli correttamente.
Di fronte ad un nuovo apparecchio è utile, se non necessario, servirsi del libretto delle istruzioni per apprenderne il corretto funzionamento: allo stesso modo, per aiutare l’individuo con difficoltà di apprendimento, un primo intervento consiste nell’allenarlo a capire e guidare il funzionamento della propria mente.
Obiettivi, motivazione, autostima, emozioni sono elementi centrali che condizionano l’apprendimento: per questo è necessario indentificarli, valutarne l’impatto sulle prestazioni e, infine, cercare di rimodellarli a proprio vantaggio.


Perché un alunno con buon potenziale di apprendimento potrebbe non dare i risultati che ci si aspetterebbe da lui?

“Read More”

I disturbi dell’apprendimento e le difficoltà di studio

Negli ultimi anni, la ricerca in psicologia e neuropsicologia si è molto concentrata su un fenomeno che appare in maniera sempre più significativa all’interno dell’orizzonte infantile: le difficoltà e i disturbi dell’apprendimento.

Cosa si intende per disturbi dell’apprendimento?

I disturbi specifici dell’apprendimento sono quelle condizioni in cui, in assenza di disabilità o di altre situazioni sfavorevoli, i bambini presentano un’incapacità di apprendere a leggere o a fare di conto in maniera adeguata.

In quali casi si può parlare di disturbi dell’apprendimento?

“Read More”

La dislessia

La dislessia è una compromissione significativa e persistente della lettura; si hanno grosse difficoltà nella transcodifica, ovvero il dislessico non riesce, in maniera efficiente, ad attribuire un senso ai vari simboli ortografici, cioè le sequenze di lettere.

 

Come procede il bambino quando legge?

“Read More”

La discalculia

Che cos’è la discalculia?

La discalculia è un DISTURBO SPECIFICO del calcolo che compare in età evolutiva.
La caratteristica di questo disturbo è una capacità del calcolo che è al di sotto di quanto previsto in base all’età cronologica del bambino e a un’istruzione adeguata; non è imputabile a una lesione organica o ad un apprendimento insufficiente per motivi psicologici, pedagogici o sociali.
Nei bambini con rilevanti disturbi di calcolo sono presenti deficit nel concetto di numero, nelle abilità logico-operatorie, nelle abilità del calcolo e nel ragionamento aritmetico.

“Read More”

La disortografia

Che cos’è la disortografia?

La disortografia è un insieme variegato di difficoltà nell’abilità di scrittura, nello specifico, consiste nella difficoltà a convertire in simboli grafici (le lettere dell’alfabeto) i suoni del linguaggio verbale.

 

Quali capacità sono necessarie per apprendere la scrittura?

“Read More”

cefalee del bambino

Cefalee del bambino: incidenza ed età

In Italia, secondo recenti statistiche, il mal di testa è il disturbo più frequente in età pediatrica e colpisce con emicrania e cefalea muscolo-tensiva circa il 30% dei bambini in età scolare ( 6-10 anni) e il 14% degli adolescenti dopo la pubertà (12-17 anni); nei casi più gravi questi episodi minano le capacità del soggetto sia in ambito scolastico che in quello sociale.  La cefalea è molto frequente anche fra i più piccoli, ma nella fascia di età al di sotto dei sei anni è più difficile da classificare, perché spesso i bambini non sanno esprimere con precisione il tipo di dolore che provano e di conseguenza non sempre è facile per i genitori capire che si tratta di mal di testa.  Fino alla pubertà il mal di testa colpisce maschi e femmine allo stesso modo. Dai dodici-tredici anni in poi, invece, colpisce molto più spesso le ragazze, a causa dei cambiamenti ormonali che iniziano con lo sviluppo.

“Read More”

Intervista sul Neurofeedback

Scarica la brochure

Categorie